Rasature Horror da Serie A

Avere la testa rasata non è solo dovuto alla calvizie oppure ad una fastidiosa alopecia, ovviamente e senza nessun dubbio chi soffre di questi problemi può risolverli facilmente rasandosi a zero i capelli considerando anche che, come abbiamo argomentato nel blog, è una soluzione alla moda e di sicuro impatto. Tuttavia molte persone sono in qualche modo costrette a rasarsi a zero per rispondere a delle scommesse perdute che hanno incautamente accettato, oppure più semplicemente per dare letteralmente un taglio netto al passato e cominciare un nuovo corso che si spera più fortunato.

A questa regola non sfuggono neppure i calciatori, che pur essendo ricchi, belli e famosi devono sottostare alle regole dei…capelli esattamente come noi. Molti di loro hanno dovuto rasarli a zero a causa della scarsezza di capelli, prendiamo ad esempio l’ex Milanista Gabriel Paletta, e molti altri lo hanno fatto invece per scelta o per aver perso una incauta scommessa, e questo con dei risultati molto spesso davvero imbarazzanti.

Nella Stagione 2017-2018 ci è cascato una delle icone della Serie A, l’Argentino dell’Inter Mauro Icardi, l’attaccante nerazzurro veniva da una estate a dir poco rovente con numerosi rumors di cambio casacca e durante le prime giornate ha sfoggiato una imbarazzante tinta biondo platino che lo faceva sembrare un grosso evidenziatore e che non gli ha nemmeno portato molta fortuna, a causa di questo ci ha ripensato subito mettendo una pezza che è risultata essere peggio del problema che andava a coprire. La non perfetta rasatura infatti lasciava una sfumatura biondo platino sulla testa del calciatore, il quale probabilmente non ha pensato di utilizzare un rasoio apposito che gli avrebbe risparmiato di dover scendere in campo con una rasatura dotata di sfavillante sfumatura platinata!

Molto più indietro nel tempo si colloca invece il caso di Marek Hamsik, siamo infatti all’inizio del campionato 2009-2010, quello che ha preceduto il mondiale sudafricano che ci ha visti partire da Campioni del Mondo e terminare sconfitti dalla Slovacchia. Esatto, proprio la Slovacchia di Hamsik il quale si era rasato i capelli a zero appena raggiunta la qualificazione, rinunciando per scommessa alla sua celeberrima cresta. Marek ha sempre dichiarato che ha rinunciato volentieri al suo taglio canonico per disputare il mondiale e bisogna dire che probabilmente ha utilizzato prodotti HeadBlade perchè la rasatura è risultata essere molto ben fatta e decisamente meno horror di quella del collega neroazzurro.

Un’altra icona invece che non ha voluto utilizzare un buon rasoio come l’HeadBlade ATX, rasoio utilissimo per avere una rasatura uniforme, è Neymar Junior. L’asso Brasiliano ha sempre stupito le platee con repentini cambi di acconciatura per denotare la sua volontà di cambiare registro dopo brutte prestazioni o periodi senza gonfiare la rete. Il fantasista carioca stupì tutti quando ancora giocava nel Barcellona, dove nel giro di appena 24 ore si presentò con un taglio stile militare con tanto di rasatura sfumata, peccato però che la sfumatura lasciava intravedere qualche chiazza di capelli più folta e Neymar non ha sicuramente sfoggiato uno dei suoi “stili” migliori. Decisamente lo preferiamo quando ci stupisce con il suo calcio bailado!

Fortunatamente per i calciatori, che per l’appunto, sono ricchi, belli e famosi, non in molti hanno notato (o forse non hanno voluto farlo…) queste rasatura “horror”, d’altra parte le persone sono ovviamente più attratte dalle loro giocate che dai loro tagli di capelli; questo però non è altrettanto vero per noi persone comuni che invece ci teniamo ad avere una rasatura perfetta, senza sfumature non volute o poco estetiche “chiazze” di  capelli, la soluzione la fornisce HeadBlade grazie al suo catalogo di rasoi e creme adatte a tutte le…teste, che siano famose o meno.

Tags:

Nessun commento.

Lascia un commento